La laurea del coglione

Il neo Presidente USA ha telefonato al premier australiano Kevin Rudd, al britannico Gordon Brown, al canadese Harper, al Primo ministro israeliano Ehud Olmert, al giapponese Taro Aso, alla cancelliera tedesca Angela Merkel, al presidente francese Nicolas Sarkozy, al capo di Stato sudcoreano Lee Myung-bak, al presidente messicano Felipe Calderon, al presidente dei Trekkies e ha fatto alcuni scherzi telefonici. Quando ha chiesto la guida telefonica delle Terre di Mezzo si è capito che probabilmente non telefonerà a Berlusconi.

Nel frattempo, Berlusconi assegna la laurea del coglione. Veltroni si offende e dice: “Non si può ricorrere al turpiloquio: siamo oltre lo scontro politico, siamo all’insulto volgare. Immaginate Sarkozy che dà del coglione a Segolene Royal, o Gordon Brown a Cameron”. L’ho immaginato. In effetti l’ho trovato piuttosto divertente.

Cronaca vera/nera, Va tutto bene

Imbecilli

Berlusconi per scusarsi della gaffe a Obama dichiara l’imbecillità di tutti i giornali che non hanno compreso il suo senso dell’umorismo. Sembra la barzelletta di quel tale che non riesce a smettere di fare gaffe, così un amico gli consiglia di cambiare subito discorso quando gliene scappa una. Una sera è ospite a cena e dice alla signora che gli sta di fianco a tavola: “Questa minestra fa schifo”. E la signora: “L’ho cucinata io!”. “Davvero? Ehi, ma che bel paio di tette!”.

Cronaca vera/nera, Va tutto bene